Loading...

statuto

Sei in://statuto
statuto2019-11-06T13:10:12+01:00

STATUTO DELLA SOCIETA’ SCIENTIFICA “SOCIETA’ ITALIANA DI SCIENZE OSTETRICO – GINECOLOGICO – NEONATALI” (SISOGN)

Art. 1. – COSTITUZIONE DENOMINAZIONE E SEDE DELLA SOCIETA’ SCIENTIFICA

La società denominata “Società italiana di Scienze ostetrico-ginecologico-neonatali”, ovvero in sigla o più brevemente (SISOGN), costituita senza limiti di durata, ha sede sociale in Salerno, Via Rocco Galdieri n.10.

La modifica della sede è deliberata dal Consiglio Direttivo e dovrà essere ratificata dall’Assemblea.

La presidenza, gli altri organi della società e gli uffici di segreteria si trovano ed operano presso la sede.

La “SISOGN” può istituire, anche temporaneamente sedi distaccate di rappresentanza regionale e nelle Province autonome, su proposta del Consiglio Direttivo sentiti i soci residenti nelle relative Regioni o Province Autonome.

La società ha rilevanza di carattere nazionale con rappresentanza di almeno 12 (dodici) Regioni e Province Autonome.

Ai fini di avere una migliore gestione dell’attività sul territorio, può costituire Sezioni Regionali o Interregionali, Provinciali o Interprovinciali, regolate da apposito regolamento.

La Società “SISOGN” assumerà la Personalità Giuridica in osservanza di quanto disposto dal D.P.R. 10.02.2000, n.361, con l’iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche presso L’Ufficio Territoriale del Governo (già Prefettura) competente.

Art. 2. – SCOPI DELLA SOCIETA’ SCIENTIFICA

La società scientifica non ha scopo di lucro, né diretto né indiretto, né finalità sindacali ma, nel rispetto dell’autonomia dei singoli enti/associazioni/soggetti aderenti, è volta a promuovere il progresso e la diffusione delle scienze ostetrico-ginecologiche-neonatali in ambito clinico, socio-assistenziale, formativo e manageriale anche attraverso la ricerca, a livello nazionale ed internazionale. Favorisce la valorizzazione delle competenze distintive della professionista ostetrica/o in ossequio alle normative nazionali ed europee, anche attraverso iniziative formative.

In particolare sarà scopo specifico ed istituzionale della società:

  • elaborare, aggiornare e diffondere indirizzi e linee guida per il miglioramento della pratica assistenziale ostetrico-ginecologico-neonatale, buone pratiche ai sensi del comma 3 dell’art. 5 della legge 8.03.2017, n. 24;
  • promuovere iniziative comuni, disgiuntamente o congiuntamente con altri enti i cui scopi o ambiti di operatività siano analoghi a quelli della Società stessa.

La Società potrà assumere tutte le iniziative e porre in essere ogni atto idoneo a favorire la concreta attuazione dei suoi fini e delle attività che ne costituiscono l’oggetto.

Per le finalità indicate la Società, anche avvalendosi di consulenti esterni può, a titolo esemplificativo, ma non esaustivo:

  • promuovere progetti di ricerca finalizzati all’evoluzione delle conoscenze scientifiche di settore al fine di migliorare la pratica clinica orientata alla promozione ed alla tutela della salute di genere e riproduttiva, del bambino, della famiglia e della collettività, nonché i modelli di “learning” nell’ambito della formazione ostetrica e di governo dell’assistenza ostetrico-ginecologica-neonatale;
  • promuovere progetti di ricerca, anche in collaborazione con Istituzioni ed Enti pubblici e privati, con le università, nonché attraverso la rete delle Società Scientifiche ed Associazioni tecnico-scientifiche di categoria, anche di livello internazionale (quali, a titolo esclusivamente esemplificativo e non esaustivo: ICM/EMA etc.);
  • contribuire alla implementazione di metodologie di apprendimento innovative nell’ambito della didattica delle scienze ostetriche-ginecologico-neonatali, inclusi la FAD, “stage”, teleconferenze;
  • promuovere modelli e strumenti innovativi nell’ambito dell’assistenza ostetrico-ginecologico-neonatale rispettosi delle buone pratiche, in particolare, volti alla tutela della fisiologia dei fenomeni riproduttivi, basati sull’appropriatezza, la continuità e la personalizzazione delle cure;
  • istituire corsi e/o scuole di formazione e/o aggiornamento professionale continuo e permanente; di preparazione, perfezionamento, specializzazione per l’esercizio della professione di ostetrica/o;
  • istituire, promuovere, sovvenzionare borse di studio e di ricerca scientifica di settore attinenti all’attività professionale dell’ostetrica/o nei suoi diversi ambiti operativi. Il Consiglio Direttivo predisporrà un apposito regolamento, rispettando i principi sanciti dal presente Statuto;
  • compiere indagini e sondaggi, anche commissionandoli a Enti/società specializzate del settore, volti ad acquisire elementi sullo stato dell’assistenza in area ostetrica, ginecologica e neonatale e della professione di ostetrica/o;
  • promuovere, istituire, gestire corsi di formazione anche a favore dei Collegi/Ordini professionali, Enti o Associazioni nei modi e nei termini che verranno stabiliti dal Consiglio Direttivo;
  • promuovere e realizzare iniziative editoriali di settore, cartacee e/o audiovisive, attraverso qualsiasi tecnologia e supporto elettronico e/o telematico e quindi pubblicare un proprio organo di stampa ed una rivista scientifica anche indicizzata;
  • promuovere a livello nazionale ed internazionale la cooperazione con Società Scientifiche e Associazioni tecnico-scientifiche che operano nel campo delle scienze ostetrico, ginecologico e neonatali, facilitando gli scambi scientifico-culturali;
  • promuovere, supportare e/o partecipare ad attività, anche previa costituzione di nuovi soggetti giuridici con altri Enti, Fondazioni, Collegi/Ordini professionali, Società Scientifiche ed Associazioni tecnico-scientifiche aventi lo stesso scopo di promuovere la salute di genere e bio-psico-sociale della coppia, della donna e del bambino, di tutelare la salute riproduttiva della donna nonché contribuire alla valorizzazione ed allo sviluppo dell’attività professionale dell’ostetrica/o nei suoi diversi contesti operativi;
  • organizzare e gestire nell’ambito delle scienze ostetrico-ginecologico-neonatale reti telematiche, centri di programmazione ed archiviazione di dati, portali informatici, nonché biblioteche e librerie informatiche e tradizionali; nonché supportare la ricerca bibliografica “on line” e contribuire alla diffusione delle migliori evidenze con strumenti di comunicazione anche telematica;
  • patrocinare ed organizzare convegni, manifestazioni, eventi culturali, dibattiti, trasmissioni televisive, radiofoniche e multimediali, seminari di studio, anche di concerto con altri Enti, Collegi/Ordini professionali, Società Scientifiche e Associazioni tecnico-scientifiche, nei campi sanitari, sociali, giuridici, medico-legali, e ostetrico-ginecologico e neonatale attinenti al proprio settore disciplinare ed all’attività dell’ostetrica/o, anche nel caso in cui siano gestite ed organizzate da terzi con eventuale sostegno organizzativo, con ogni mezzo tecnologico e di stampa disponibile;
  • promuovere la salute globale e la cooperazione sanitaria internazionale e decentrata;
  • amministrare e gestire i beni mobili, ed eventualmente immobili, di cui sia proprietaria, locatrice, comodataria o comunque ed a qualsiasi titolo posseduti;
  • stipulare convenzioni con le imprese ed enti pubblici o privati per l’affidamento a terzi di studi, ricerche o di parte delle attività connesse e strumentali al perseguimento degli scopi di cui al presente Statuto;
  • acquisire e cedere, anche su licenza, marchi, brevetti e altri diritti di privativa inerenti all’attività svolta.

La Società potrà esercitare ogni altra attività, anche di prestazione di servizi che, direttamente od indirettamente, l’organo/gli organi di governo riterrà/anno utile per il raggiungimento dei fini istituzionali sopra indicati, nel rispetto della normativa vigente e, quindi, non a scopo di lucro né a fini sindacali.

La Società opera a livello nazionale, ma può operare anche a livello internazionale.

La Società è autonoma ed indipendente, così come autonome ed indipendenti sono e dovranno essere i suoi legali rappresentanti.

La Società non porrà in essere alcuna attività imprenditoriale o partecipazione ad attività imprenditoriali, ad eccezione di quelle svolte nell’ambito del programma nazionale di formazione continua (ECM).

È fatto obbligo di pubblicazione dell’attività scientifica attraverso il sito web istituzionale, aggiornato costantemente.

È fatto obbligo, altresì di pubblicazione sul sito istituzionale della società dei bilanci preventivi, dei consuntivi e degli incarichi retribuiti.

ART. 3 – COMPOSIZIONE DELLA SOCIETA’

Sono soci della Società italiana di Scienze Ostetrico-Ginecologico-Neonatali “SISOGN” tutti coloro in possesso del titolo abilitante di ostetrica/o, nello specifico i liberi professionisti e/o dipendenti presso enti pubblici o privati che operano in ambito nazionale ed internazionale.

Inoltre le Società Scientifiche Italiane e, in generale, le associazioni scientifiche di rilevanza nazionale, rappresentate solo da soggetti appartenenti alla categoria professionale delle ostetriche e che si impegnino a sostenere la “SISOGN” e i suoi scopi ed obiettivi. Possono iscriversi anche le Società Scientifiche di settore identificate o riconosciute a livello comunitario o internazionale, i cui scopi siano conformi e congrui con quelli “SISOGN”.

ART. 4 – CATEGORIE DEI SOCI

I Soci si distinguono in Fondatori, Ordinari e Sostenitori, Onorari e Aggregati

Sono Soci Fondatori le ostetriche/ci firmatari dell’atto costitutivo ed assumono i doveri ed i diritti dei soci ordinari.

Sono Soci Ordinari: le ostetriche/i cittadine/i italiane/i e/o stranieri in attività professionale, le Società Scientifiche Italiane e, in generale, le associazioni scientifiche di rilevanza nazionale, composte solo da ostetriche/i; anche le Società Scientifiche di ostetriche/i identificate o riconosciute a livello comunitario o internazionale, i cui scopi siano conformi e congrui con quelli della “SISOGN”.

Sono Soci Sostenitori Enti, persone giuridiche o persone fisiche che contribuiscono allo sviluppo della “SISOGN” le cui finalità non contrastino con il Codice Deontologico della professione di ostetrica/o e, versino un contributo annuale non inferiore a tre volte la quota associativa individuale.

Sono Soci Sostenitori le Società, Enti ed istituzioni, persone giuridiche e soggetti privati che, anche non appartenendo al mondo scientifico, intendano contribuire allo sviluppo della “SISOGN” e delle sue attività formative e finalità istituzionali, non contrastando con il Codice Deontologico della professione di ostetrica/o.

I Soci Sostenitori possono partecipare all’Assemblea con diritto di parola ma non di voto.

Sono Soci Onorari i cittadini italiani o stranieri che si sono distinti con particolari benemerenze nel settore scientifico, professionale e disciplinare delle scienze ostetrico-ginecologiche-neonatali. I Soci Onorari non possono superare il 3% (tre per cento) dei soci ordinari, non sono tenuti al pagamento di quote associative, non possono far parte del Consiglio Direttivo, pur assumendo doveri e diritti dei soci ordinari.

Sono Soci Aggregati gli studenti iscritti ad un Corso di Laurea Ostetrica (CLO) e partecipano all’attività della “SISOGN” ed all’assemblea generale senza diritto al voto.

I legali rappresentanti, amministratori o promotori non devono aver subito sentenze di condanna passate in giudicato in relazione all’attività della società.

Possono aderire alla Società, sia in qualità di “Soci Fondatori” che di “Soci Ordinari”, le Società Scientifiche e le Associazioni Scientifiche identificate o riconosciute a livello comunitario o internazionale che possiedano i seguenti requisiti:

  • operino nel Settore scientifico disciplinare delle “Scienze ostetrico-ginecologiche-neonatali”;

abbiano le seguenti caratteristiche istituzionali:

  • abbiano solo soci appartenenti alla categoria delle ostetriche/o ai sensi del D.M. n.740/1994;
  • abbiano una rappresentatività nell’ambito specifico, dimostrabile, se ritenuto necessario, con il riconoscimento di società dello stesso ambito anche a livello comunitario o internazionale;
  • abbiano uno statuto conforme alla normativa vigente, con espressa indicazione della denominazione dell’ente, patrimonio, e della sede sociale;
  • non abbiano fini di lucro e non svolgano attività sindacali e non svolgano un esercizio e/o partecipazione ad attività imprenditoriali, fatto salvo quelle necessarie alle attività di formazione continua, compatibilmente ai criteri vigenti in merito, in sede nazionale e regionale;
  • abbiano la previsione di finanziare le attività sociali attraverso l’autofinanziamento e i contributi di associati. Per quanto concerne le attività ECM le modalità di finanziamento devono essere compatibili con i criteri vigenti in sede nazionale e regionale per la formazione continua;
  • abbiano organi democraticamente eletti con votazione a scrutinio segreto e con durata limitata nel tempo e regolamentazione degli organi associativi e loro modalità di delibera e norme relative all’estinzione societaria e devoluzione del patrimonio;
  • abbiano risorse economiche trasparenti e bilanci approvati dall’assemblea annualmente, ove applicabile;
  • abbiano tra le finalità istituzionali quella di collaborazione con la Pubblica Amministrazione, Organismi ed Enti Pubblici, Regioni e Aziende Sanitarie, nonché collaborazioni con altri organismi e società scientifiche;
  • abbiano procedure di verifica del tipo e della qualità delle attività svolte;
  • abbiano un elenco Soci, disponibile e verificabile a mera richiesta di “SISOGN”, in regola con il pagamento delle quote, che devono essere spontaneamente versate dal socio e non frutto di automatismi derivanti da iscrizione ad altre associazioni;
  • abbiano un’attività permanente e continuativa, da almeno tre anni sul territorio

Le Società Scientifiche che intendono associarsi o riassociarsi dovranno rivolgere domanda sottoscritta dal legale rappresentante, indirizzata alla “SISOGN”, allegando la documentazione richiesta unitamente ad una autocertificazione attestante la sussistenza e il possesso dei requisiti richiesti dallo Statuto “SISOGN” e dall’emanando regolamento integrativo. Il Consiglio Direttivo provvederà ad esaminare la domanda e comunicherà, anche via mail, l’esito della decisione adottata.

L’eventuale affiliazione diventerà effettiva solo dopo l’avvenuto pagamento della quota sociale dell’anno in corso e l’iscrizione del nuovo associato nel Libro Soci “SISOGN”.

ART. 5 – DIRITTI E DOVERI DEI SOCI

I Soci Fondatori ed Ordinari partecipano alle attività della “SISOGN” presenziando alle sedute dell’Assemblea ed esprimendo il proprio voto, diretto e/o per delega, sulle questioni poste in votazione; svolgendo gli incarichi loro affidati dalla “SISOGN” e contribuendo allo sviluppo di quest’ultima attraverso la propria attività scientifica, didattica, manageriale e di ricerca.

Iniziative di formazione, aggiornamento e ricerca da parte dei soci possono ottenere il patrocinio della “SISOGN”, previa presentazione della richiesta al Presidente.

I soci debbono essere in regola con il pagamento delle quote associative e le eventuali dimissioni non li esimono dagli obblighi finanziari per l’anno in corso e per anni

precedenti.

ART. 6 – PERDITA DELLA QUALITA’ DI SOCIO

La qualità di socio può essere perduta per i seguenti motivi:

  • per recesso che deve essere comunicato per iscritto alla “SISOGN”, entro il mese di settembre di ciascun anno, via Pec o A/R; per mancato pagamento per tre anni consecutivi della quota societaria annuale;
  • per decadenza, pronunciata con giudizio insindacabile del Consiglio Direttivo, a causa di comportamento professionale e/o scientifico illecito.

Ai soci non in regola con la quota annuale è sospeso il diritto di voto.

ART. 7 – ORGANI SOCIALI

Sono organi della “SISOGN”:

  • L’Assemblea
  • Il Consiglio Direttivo
  • Il Presidente
  • Il Vice Presidente
  • Il Segretario
  • Il Tesoriere
  • Il Revisore dei Conti e i loro Supplenti
  • Il Collegio dei Probiviri
  • Il Comitato Scientifico

Tutte le cariche sociali indicate sono svolte a titolo gratuito riservate a soggetti che abbiano espressamente dichiarato la propria autonomia ed indipendenza rispetto ad attività imprenditoriali o a partecipazioni ad esse e la regolazione degli eventuali conflitti di interesse.

Restano escluse dall’attività imprenditoriale le attività svolte nell’ambito del Programma nazionale di formazione continua in medicina (ECM).

Non possono assumere cariche sociali i Soci che abbiano subito sentenze di condanna passate in giudicato legate all’attività della “SISOGN”.

ART. 8 – L’ASSEMBLEA

L’assemblea è l’organo supremo dell’Associazione, è presieduta dal Presidente e, in caso di suo impedimento, dal Vice Presidente.

Fanno parte dell’Assemblea i Soci Fondatori ed i Soci Ordinari in regola con gli obblighi contributivi.

Nel caso di società/enti/istituzioni/persone giuridiche parteciperà all’Assemblea il legale rappresentante pro-tempore o un suo delegato.

L’assemblea potrà svolgersi anche tramite audio o video conferenza a patto che sia consentito al Presidente di identificare degli intervenuti anche a distanza.

Il mancato pagamento della quota annuale esclude automaticamente il socio dal diritto di voto.

I Soci Fondatori ed i Soci Ordinari potranno votare in base al seguente meccanismo della società:

  • 1 (un) voto per ciascun socio;
  • 3 (tre) voti per società/enti/istituzioni/persone giuridiche che abbiano meno di 1000 (mille) iscritti;
  • 4 (quattro) voti per società/enti/istituzioni/persone giuridiche che abbiano da 1001 (milleuno) a 2000 (duemila) iscritti;
  • 5 (cinque) voti per società/enti/istituzioni/persone giuridiche che abbiano oltre 2001 (duemilauno)

I Soci Sostenitori possono partecipare all’Assemblea con diritto di parola, ma non di voto.

È fatto obbligo alle Società di ostetriche aderenti di dichiarare il numero degli iscritti e fra questi, il numero degli iscritti in regola con i pagamenti. Su richiesta, le società/enti/istituzioni/persone giuridiche dovranno esibire gli elenchi dei soci e dei relativi pagamenti. In caso di società/enti/istituzioni/persone giuridiche in cui l’iscrizione dei propri soci sia gratuita, il Consiglio Direttivo della “SISOGN” deciderà in merito.

Il calcolo dei voti sopra descritto si applica alle sole votazioni per le elezioni delle cariche sociali e per le variazioni statutarie. Per le votazioni ordinarie e straordinarie di carattere amministrativo (a titolo esemplificativo: approvazione bilancio, approvazioni mozioni di carattere tecnico-amministrativo e Commissioni scientifiche “SISOGN”) si applica il meccanismo di voto nominale (ovvero ogni socio ha diritto ad un voto, indipendentemente dalle caratteristiche dei soci).

L’Assemblea, in seduta ordinaria, su proposta del Presidente:

  • definisce le linee operative e di indirizzo dell’Associazione;
  • delibera in ordine al bilancio preventivo e al rendiconto economico e finanziario annuale predisposto dal Consiglio Direttivo;
  • elegge i membri del Consiglio Direttivo, e nomina i Probiviri e i Revisori dei Conti, ratifica l’ammontare della quota associativa e del contributo dei Sostenitori, su proposta del Consiglio Direttivo;
  • delibera l’eventuale istituzione e localizzazione di sedi secondarie e/o amministrative;
  • esercita tutte le altre funzioni demandatele dalla legge o dal presente statuto;
  • delibera a scrutinio palese a meno che la maggioranza dei componenti non chieda lo scrutinio segreto o a meno che non si debba procedere alle delibere di nomina degli organismi statutari. Infatti nel caso di elezione degli organismi statutari la votazione verrà effettuata a scrutinio segreto.

Le deliberazioni vengono assunte, in prima convocazione, con la maggioranza degli aventi diritto al voto, in ragione del numero degli associati iscritti in regola col pagamento della quota associativa; in seconda convocazione, con la maggioranza degli intervenuti (ossia dei voti rappresentati in Assemblea) calcolati nei modi sopradescritti, in ragione delle materie da trattare. L’Assemblea, in seduta straordinaria:

  • delibera eventuali modifiche dell’atto costitutivo e dello statuto, con la presenza, in prima convocazione ed anche per delega, di almeno i 3/4 (tre quarti) degli aventi diritto al voto e con la maggioranza dei presenti, fermo restando che in ogni caso sono immodificabili gli scopi della società; in seconda convocazione, che potrà aver luogo nello stesso giorno della prima, quando siano presenti di persona o per delega i 2/3 (due terzi) dei soci e sia raggiunto il voto favorevole dei 2/3 (due terzi) dei votanti;
  • delibera in ordine allo scioglimento della società e alla devoluzione del patrimonio, nonché alla nomina dei liquidatori con la presenza dei 3/4 (tre quarti) degli aventi diritto al voto e con il voto favorevole di almeno 2/3 (due terzi) dei voti espressi.

L’Assemblea è convocata almeno una volta l’anno dal Presidente. Si riunisce inoltre ogni qualvolta ne faccia richiesta motivata, al Presidente Nazionale, almeno 1/10 (un decimo) degli associati, o la maggioranza del Consiglio Direttivo.

La data della convocazione è comunicata ai Soci dal Presidente con qualunque mezzo, purché in forma scritta e anche mediante pubblicazione sul sito WEB di “SISOGN”, almeno 15 (quindici) giorni prima, salvo che non si verifichino casi di giustificata urgenza; l’avviso di convocazione dovrà indicare gli argomenti posti all’ordine del giorno, l’ora e il luogo della riunione, sia in prima sia in seconda convocazione.

Alle votazioni dell’Assemblea partecipano i Soci (Fondatori e Ordinari) in regola con il pagamento della quota associativa. Sono ammesse deleghe del legale rappresentante delle società o dei singoli soci, purché in numero non superiore a 5 (cinque) per delegato di singole società e/o socio. In occasione del rinnovo degli organi sociali, le candidature devono pervenire al Consiglio Direttivo della “SISOGN” almeno 7 (sette) giorni prima dell’Assemblea. I candidati devono:

  • appartenere ad una Società che sia in regola con la quota associativa alla “SISOGN”;
  • essere Soci professionalmente attivi ed in regola con la propria quota

Per le modalità operative e le procedure di voto si applicano le norme stabilite nell’emanando regolamento.

L’Assemblea procede con l’elezione dei nove membri elettivi del Consiglio Direttivo; con la nomina dei tre membri del Collegio dei Probiviri – di cui uno esterno – ma sempre appartenente alla categoria professionale delle Ostetriche/o, dei tre membri del Collegio dei Revisori dei Conti e dei Revisori dei Conti supplenti a scrutinio segreto. Il Collegio dei Revisori dei Conti deve essere costituito come infra precisato all’art.14.

Le Assemblee dei Soci sono presiedute dal Presidente e, in sua assenza od impedimento, dal Vice Presidente che accerta l’identità e la legittimazione al voto degli intervenuti; in caso di assenza o di impedimento di quest’ultimo, ne fa le veci un Socio Fondatore, eletto dall’Assemblea.

I verbali sono redatti dal Segretario e, in caso di sua assenza, da un Segretario nominato dall’Assemblea, e sono sottoscritti dal Presidente dell’Assemblea e dal Segretario stesso.

ART. 9 – CONSIGLIO DIRETTIVO

La Società Scientifica è retta da un Consiglio Direttivo, composto da 9 (nove) membri, costituito dal Presidente, dal Vicepresidente, da cinque Consiglieri, da un Tesoriere e da un Segretario, eletti tutti dall’Assemblea Generale a scrutinio segreto, oltre al “Past President” che ne è membro di diritto senza diritto di voto. Il Consiglio Direttivo dura in carica tre anni. I suoi membri non possono essere confermati nella stessa carica per un altro triennio, ad eccezione del Tesoriere e del Segretario.

In nessun caso, indipendentemente dalla carica ricoperta, si può far parte del Direttivo per più di due mandati consecutivi. La nomina del Consiglio Direttivo è comunicata al Ministero della Salute, e alla Federazione Nazionale Collegio Ostetriche. Le cariche elettive non sono retribuite, fatto salvo il rimborso delle spese sostenute debitamente autorizzate e documentate.

In caso di vacanza dalla carica, per qualsiasi motivo, di componenti del Consiglio Direttivo prima della scadenza del mandato, l’eventuale integrazione avviene utilizzando la graduatoria dei non eletti.

Il Consiglio Direttivo ha il compito di attuare direttive generali indicati dall’assemblea e di promuovere, nell’ambito di tali direttive ogni iniziativa diretta al conseguimento degli scopi sociali.

Al Consiglio Direttivo compete inoltre:

  • di assumere tutti i provvedimenti necessari per l’amministrazione, l’organizzazione ed il funzionamento della Società e quindi di proporre le quote associative;
  • di predisporre il bilancio preventivo ed il conto consuntivo da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea su proposta del Tesoriere, sentito il Collegio dei Revisori dei conti;
  • di ricevere le domande di ammissione dei nuovi soci e, dopo averle istruite di sottoporle alla prima Assemblea Generale per la loro approvazione. Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente quando occorra o quando la convocazione sia richiesta da almeno tre dei suoi componenti. Le riunioni sono valide quando vi sia la presenza di almeno cinque membri;
  • di redigere verbale che viene pubblicato sul sito della “SISOGN”.

I membri del Consiglio decadono contemporaneamente con la scadenza del mandato.

I membri del Consiglio e degli altri organi sociali di “SISOGN” decadono anche in conseguenza di gravi violazioni di norme di legge o per irregolarità negli adempimenti delle proprie funzioni, accertate dal Collegio dei Probiviri.

Qualora venga meno la maggioranza del Consiglio (cinque membri), i membri rimasti in carica debbono convocare l’Assemblea, perché provveda alla nomina di un nuovo Consiglio.

Il Consiglio Direttivo neoeletto nomina il Presidente, il Vice Presidente ed il Segretario e il Tesoriere nell’ambito del Consiglio Direttivo stesso.

Il Consiglio Direttivo ha tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione: delibera a maggioranza semplice, con la presenza della maggioranza dei suoi componenti in carica, e può delegare parte dei suoi poteri al Presidente e ad uno o più dei suoi membri. In caso di parità, il voto del Presidente ha valore doppio.

Il Consiglio può nominare procuratori “ad negotia” per determinati atti o categorie di atti e agisce mediante regolamenti che possono essere modificati a maggioranza di almeno due terzi dei componenti. Il Consiglio può nominare Comitati di consulenza tecnico-scientifica, costituiti da esperti di specifiche discipline.

Il Consiglio Direttivo delibera con la maggioranza qualificata di due terzi dei suoi componenti circa l’ammissione di nuovi Soci che possiedano i requisiti previsti e la decadenza dei Soci, e circa le proposte di modifiche statutarie e di scioglimento della “SISOGN”, proposte queste ultime da sottoporre all’Assemblea dei Soci. Tutte le cariche sociali svolte in seno e per la “SISOGN” sono gratuite, salvo le prestazioni professionali dovute al Collegio dei Revisori, qualora fornite da consulenti esterni professionali. E’ prevista la facoltà di erogare rimborsi spese a membri del Consiglio Direttivo.

Il Consiglio Direttivo viene convocato dal Presidente con raccomandata, ovvero via fax e/o posta elettronica certificata, che dovrà pervenire ai componenti almeno 15 (quindici) giorni prima della seduta e dovrà contenere specifico ordine del giorno per i singoli argomenti da trattare. È ipotizzabile una convocazione che rivesta carattere di urgenza con preavviso di almeno due giorni. La convocazione avverrà previo preavviso telefonico della segreteria della “SISOGN” ed inoltro immediato della convocazione in forma scritta.

Il Consiglio dovrà inoltre essere convocato dal Presidente nel caso di richiesta di almeno un terzo dei componenti i quali abbiano corredato detta richiesta di uno specifico ordine del giorno di cui chiedono la discussione.

ART. 10 – PRESIDENTE

Il Presidente rappresenta la “SISOGN” in giudizio e di fronte ai terzi, ed esercita i poteri derivatigli dallo Statuto.

Il Presidente ha la rappresentanza legale della Società Scientifica, convoca e presiede l’Assemblea ed il Consiglio Direttivo, sovraintende alla attività della società e all’esecuzione delle delibere degli organi sociali.

Il Presidente dura in carica tre anni; la sua nomina è comunicata alla FNCO e al Ministero della Salute.

Il Presidente può essere eletto consecutivamente solo per due mandati.

La nomina è sottoposta per l’approvazione all’assemblea generale dei Soci.

In caso di assenza o di impedimento del Presidente, ne fa le veci il Vice Presidente; in caso di assenza del Vice Presidente, ne fa le veci il Consigliere più anziano di età.

In caso di urgenza adotta provvedimenti di emergenza, assoggettandoli a ratifica successiva del Consiglio Direttivo.

ART. 11 – VICE PRESIDENTE

In caso di temporaneo impedimento e/o di assenza del Presidente le funzioni di quest’ultimo saranno svolte dal Vice Presidente.

Il Vice Presidente può essere eletto consecutivamente per due soli mandati.

Il Vice Presidente coadiuva il Presidente nell’esercizio delle attività volte all’esecuzione delle delibere assunte dal Consiglio Direttivo.

In caso di cessazione per qualunque motivo del Presidente dalla sua carica, il Vice Presidente svolge le funzioni che competono al primo ma, entro 60 (sessanta) giorni dalla cessazione, ha l’obbligo di convocare il Consiglio Direttivo per eleggere il nuovo Presidente pro tempore, che resta in carica per il periodo residuo per il quale sarebbe rimasto in carico il Presidente cessato.

ART. 12 – SEGRETARIO

Il Segretario è responsabile degli uffici della Società e sovraintende ai rapporti con il personale dipendente, se presente; provvede alla esecuzione delle deliberazioni del Consiglio Direttivo in conformità alle direttive del Presidente.

Redige i verbali delle riunioni, li sottoscrive unitamente al Presidente ed è responsabile della loro conservazione, nonché della conservazione della corrispondenza e di tutta la documentazione relativa alla gestione dell’attività della “SISOGN”.

Il Segretario può essere eletto consecutivamente per due soli mandati.

ART. 13 – TESORIERE

Il tesoriere amministra il patrimonio della “SISOGN” in esecuzione delle delibere assunte e verrà scelto tra i membri del Consiglio. Può farsi coadiuvare da professionisti per specifiche mansioni.

Il Tesoriere può essere eletto consecutivamente per due soli mandati.

ART.14 – REVISORI DEI CONTI E I LORO SUPPLENTI

L’amministrazione della Società è controllata da Revisori dei Conti, scelti tra i soci ordinari e/o professionisti del settore contabile e nominati dall’Assemblea, fino ad un massimo di 3 (tre). L’incarico dura due esercizi. In caso di cessazione per qualsiasi causa, ai Revisori effettivi subentrano nelle funzioni per il residuo periodo di nomina i Revisori supplenti, anch’essi nominati dall’Assemblea.

Il compenso ai Revisori dei Conti è fissato dall’Assemblea su proposta del Consiglio Direttivo.

Spetta ai Revisori dei Conti il controllo periodico della contabilità e quello del bilancio di esercizio, sulla cui esattezza e correttezza devono riferire all’Assemblea. I Revisori possono essere invitati alle riunioni del Consiglio Direttivo e possono partecipare all’Assemblea. La carica di Revisore dei Conti è incompatibile con qualunque altro incarico nella “SISOGN”.

Il Collegio dei Revisori predispone le relazioni al bilancio preventivo e al conto consuntivo che devono essere presentate all’Assemblea unitamente ai bilanci.

I Revisori dei Conti possono essere eletti consecutivamente per due soli mandati.

ART.15 – “PAST PRESIDENT”

Il Presidente uscente del Consiglio Direttivo che termina il mandato, viene nominato “Past President SISONG” e partecipa di diritto alle Riunioni del Consiglio Direttivo, senza

diritto di voto.

ART. 16 – COLLEGIO DEI PROBIVIRI

Al Collegio dei Probiviri è demandata dal Consiglio la risoluzione di controversie che dovessero insorgere tra soci e soci, tra soci e la società, tra le società partecipanti

alla “SISOGN”, relativamente alla attività sociale.

Il Collegio dei Probiviri è composto da tre membri nominati dal Consiglio Direttivo, di cui due scelti tra i soci (i primi nella graduatoria dei non eletti come Consiglieri) e un esperto di diritto, scelto tra i professionisti del settore.

I Probiviri restano in carica per il periodo del mandato del Consiglio Direttivo che li ha nominati e non possono essere riconfermati. Il Collegio dei Probiviri dirime, su istanza dei Soci e del Consiglio, eventuali controversie fra i Soci e fra questi e la “SISOGN”.

Il Collegio dei Probiviri giudicherà “ex bono et aequo”, senza formalità di procedura, con esclusione di ogni altra giurisdizione, ed il suo lodo sarà proposto alla valutazione dell’Assemblea, che deciderà a maggioranza semplice.

Il Collegio dei Probiviri si pronuncia, inoltre, con parere non vincolante, in ordine a deferimenti e su decisioni di esclusione o non ammissione, pronunciate dal Consiglio Direttivo, su istanza degli esclusi o non ammessi.

Il Collegio dei Probiviri si pronuncia su ogni altra questione deferitagli dal Consiglio Direttivo.

Il Collegio dei Probiviri può essere eletto consecutivamente per due soli mandati.

ART. 17 – COMITATO SCIENTIFICO E COMITATI DI CONSULENZA E

COMMISSIONI

È istituito un Comitato Scientifico per la verifica e il controllo della qualità delle attività svolte e della produzione tecnico-scientifica.

Svolge funzioni di consulenza, indirizzo e valutazione su mandato del Consiglio Direttivo. Viene consultato per le scelte relative agli indirizzi delle linee di ricerca, per le pubblicazioni scientifiche e i lavori della “SISOGN” e ne verifica i risultati.

Il Comitato Scientifico è composto da un minimo di cinque ad un massimo di quindici membri nominati dal Consiglio Direttivo e scelti tra esperti nel settore in cui opera “SISOGN” e nel settore del diritto, anche tra coloro che fanno parte dello stesso Consiglio Direttivo.

Fanno parte di diritto del Comitato Scientifico il Presidente e/o il Vice Presidente delle società scientifiche e/o associazioni e/o enti che hanno aderito quali soci fondatori e/o ordinari alla “SISOGN”

Uno dei componenti assume la funzione di coordinamento con approvazione unanime da parte di tutti i componenti del Comitato Scientifico.

Il Comitato Scientifico rimane in carica fino alla scadenza del Consiglio che lo ha nominato.

Possono essere nominate commissioni dal Consiglio Direttivo per svolgere attività di specifico interesse per la Società.

Durano in carica fino all’espletamento dell’incarico ricevuto e comunque cessano alla scadenza del Consiglio che li ha nominati; sono costituiti da un massimo di 9 (nove) componenti coordinati da uno o più Coordinatori.

Le Commissioni sono espressione del Consiglio Direttivo “SISOGN”, e al Consiglio rispondono direttamente per la loro attività.

ART. 18 – CONFLITTO DI INTERESSI ED INCOMPATIBILITA’

Conformemente a quanto previsto all’art.2290 c.c., non possono essere eletti membri in organi gestionali ed amministrativi della “SISOGN” coloro i quali risultino titolari di cariche direttive e/o amministrative in enti commerciali e/o in associazioni che, per natura e tipologia della loro attività, possano essere considerati concorrenti o in conflitto di interesse con “SISOGN”.

Anche in assenza di una specifica situazione di incompatibilità ogni membro di un organo gestionale dovrà astenersi dal partecipare con il proprio voto alle deliberazioni riguardanti tutte quelle operazioni nelle quali, essendo direttamente coinvolti interessi personali dello stesso o, comunque, dei suoi familiari più vicini sia rilevabile una situazione di conflitto di interessi.

La “SISOGN” si impegna entro un anno dalla sua costituzione ad adottare un regolamento in tema di incompatibilità e di conflitto di interessi, in osservanza alla normativa vigente.

ART. 19 – ISTITUZIONE SITO WEB

La “SISOGN” istituisce un sito web istituzionale, aggiornato costantemente, dove verrà pubblicata l’attività scientifica,

i bilanci preventivi, i bilanci consuntivi e gli eventuali incarichi retribuiti ed ogni altra informazione riguardante la società stessa.

Il sito web avrà anche finalità di comunicazione a tutti gli iscritti dell’attività poste in essere dalla “SISOGN” con pubblicazione, appunto, dei lavori e dei documenti realizzati.

ART. 20 – PATRIMONIO E GESTIONE SOCIALE

Il patrimonio sociale o fondo comune è costituito dal contributo dei soci fondatori e dalle quote ordinarie dei primi associati e può essere formato da beni e valori di qualsiasi natura, che per acquisto, donazione o per qualsiasi altro titolo pervengano alla “SISOGN”.

Le entrate della “SISOGN” sono rappresentate:

  • dalle quote apportate da ciascuno dei Soci sulla base delle deliberazioni dell’Assemblea;
  • da altri contributi versati dai Soci, sulla base delle deliberazioni dell’Assemblea;
  • da contributi eventualmente versati dallo Stato e da altri Enti pubblici e privati che si riconoscono negli obiettivi della Società;
  • dagli interessi e vendite sui fondi propri;
  • da altri proventi che a qualsiasi titolo pervengano alla “SISOGN”.

La “SISOGN” non esercita attività imprenditoriali né partecipa ad esse, salvo quelle necessarie per la formazione continua in medicina (ECM). Finanzia le attività sociali solo attraverso i contributi dei soci e/o di enti pubblici, nonché di soggetti privati, con esclusione di finanziamenti che configurano conflitto di interesse con lo scopo sociale, anche se forniti attraverso soggetti collegati.

Le attività ECM vengono finanziate attraverso l’autofinanziamento di contributi degli associati e/o enti pubblici e/o privati nel rispetto dei criteri e dei limiti stabiliti dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua.

ART. 21 – QUOTE SOCIETARIE

Sono Soci Sostenitori le Società, Enti ed istituzioni e persone giuridiche che, anche non appartenendo al mondo scientifico, intendano contribuire allo sviluppo della “SISOGN” e delle sue finalità istituzionali e attività formative, di didattica, ricerca, nel rispetto del Codice deontologico dell’ostetrica/o. Possono partecipare all’Assemblea con diritto di parola ma non di voto. La quota di affiliazione è stabilita dal Consiglio Direttivo ma non potrà essere inferiore a tre volte la quota associativa individuale.

Ai Soci non spetta alcun diritto sul patrimonio della “SISOGN”. Essi non assumono alcun obbligo nei confronti della “SISOGN”, salvo l’impegno di versare le quote associative ed altri eventuali contributi nella misura proposta dal Consiglio Direttivo e deliberata dall’Assemblea. La quota associativa viene rivista annualmente dal Consiglio, proposta all’approvazione dell’Assemblea, ed è proporzionale alla numerosità degli iscritti a ciascuna Società.

La quota sociale è dovuta entro il 30 marzo dell’anno in corso. I Soci Fondatori, Ordinari e Sostenitori che non provvedono al pagamento della quota associativa annuale

entro 90 (novanta) gg. dalla scadenza sono sospesi e vengono deferiti al Collegio dei Probiviri.

Il Collegio, esaminate le singole posizioni, trasmette entro 60 (sessanta) giorni al Consiglio Direttivo il proprio orientamento in merito alle azioni disciplinari da adottare.

Art. 22 – ESERCIZIO FINANZIARIO

L’esercizio finanziario inizia il 1° gennaio e chiude al 31 dicembre di ogni anno. Dall’insieme delle entrate annuali viene detratto quanto necessario per le spese e gli altri oneri dell’attività sociale; il rimanente viene devoluto ad incremento del patrimonio della “SISONG”.

Entro 120 (centoventi) giorni dalla fine di ogni esercizio verrà predisposto dal Consiglio direttivo il bilancio per sottoporlo successivamente all’assemblea dei soci.

È fatto obbligo di pubblicazione sul sito istituzionale dell’ente dei bilanci preventivi, dei consuntivi e degli incarichi retribuiti.

È tassativamente escluso ogni riparto tra i soci.

ART. 23 – CONGRESSI, CONCORSI, PREMI

Le modalità organizzative tecnico-amministrative, i temi e le sedi dei Congressi Nazionali o internazionali, dei simposi, dei convegni, dei corsi di aggiornamento e di ogni altra forma di riunione sociale di natura scientifica o organizzativa verranno stabilite dal regolamento predisposto dal Consiglio Direttivo approvato dall’Assemblea Generale, che ne stabilisce le norme di funzionamento interno.

La “SISOGN” può assumere la gestione di concorsi o di premi intesi al progresso delle scienze ostetrico-ginecologiche e neonatali e della professione ostetrica.

ART. 24 – PUBBLICAZIONI UFFICIALI

Il Consiglio Direttivo deve promuovere la pubblicazione di opere scientifiche e divulgative in armonia a quanto previsto dal presente Statuto, nonché la pubblicazione di linee guida ex art. 5 L. 24/2017.

Nella quota dei Soci è compreso il diritto a ricevere le pubblicazioni.

ART. 25 – ATTIVITA’ SCIENTIFICA

La “SISOGN” promuove e realizza progetti di ricerca nell’ambito delle scienze ostetrico-ginecologico e neonatali, nell’ambito della salute di genere, nonché indagini finalizzare a rilevare lo status professionale. Collabora con Enti, collegi/Ordini e altre società anche a livello internazionale in progetti volti allo sviluppo del proprio sapere disciplinare, delle buone pratiche, relativi alla ricerca qualitativa ed alla ricerca clinica/epidemiologica di interesse disciplinare/professionale.

Non oltre il mese di maggio di ogni anno il Presidente invia al Ministero della Salute, Agenas, ISS (etc.) una relazione sull’attività scientifica svolta dalla società nell’anno precedente.

ART. 26 – VARIAZIONI

Le modifiche al vigente Statuto debbono essere deliberate dall’Assemblea straordinaria. La relativa deliberazione è valida con la presenza, in prima convocazione ed anche per delega, di almeno i 3/4 (tre quarti) degli aventi diritto al voto e con la maggioranza dei presenti, fermo restando che in ogni caso sono immodificabili gli scopi della società; in seconda convocazione, che non potrà aver luogo nello stesso giorno della prima, quando siano presenti di persona o per delega i due terzi dei soci e sia raggiunto il voto favorevole dei due terzi dei votanti.

Le modifiche così deliberate dovranno essere notificate alla FNCO e al Ministero della Salute.

ART. 27 – SCIOGLIMENTO DELLA SOCIETA’

La durata della società è illimitata. Lo scioglimento della società non potrà essere effettuato se non dietro deliberazione con la presenza dei 3/4 (tre quarti) degli aventi diritto al voto e con il voto favorevole di almeno 2/3 (due terzi) dei voti espressi.

ART. 28 – VARIE

Per quanto non previsto dal presente statuto si dovrà fare riferimento alle leggi vigenti.

ART. 29 – REGOLAMENTO

Mediante apposito regolamento, predisposto dal Consiglio Direttivo e approvato dall’Assemblea Generale, saranno stabilite le norme per il funzionamento interno, nonché quelle per l’assunzione e lo stato giuridico ed economico del personale occorrente per le esigenze della società.

ART. 30 – NORME TRANSITORIE

Con l’entrata in vigore del presente statuto, indicazione del Presidente compete per la prima volta alla persona nominata nell’atto costitutivo”.



SCARICA STATUTO